13 marzo 2014

OSSESSIONE - 1977

Titolo originale: Rage

Prima edizione Usa: New American Library 1977

Prima edizione italiana: Sonzogno 1988

Traduzione italiana: Tullio Dobner


TRAMA  Charlie è un ragazzo qualunque, ma nella sua testa qualcosa reagisce in modo anomalo alle sfide  e alle ingiustizie di una vita fatta di bravate tra ragazzi e avventure con adolescenti. La sua rabbia esplode una mattina a scuola, durante una lezione: pistola in pugno, Charlie coinvolge nella sua intima ossessione la vita e il destino di una classe intera. Vengono alla luce segreti di sesso, sangue e odio; cala la maschera dell'ipocrisia in una confessione tragica e liberatoria. Qualcuno pagherà con la vita, altri perderanno la reputazione, altri ancora la sanità mentale.




CURIOSITA'
- inizialmente intitolato 'Getting it on'; è stato scritto in tarda adolescenza (iniziato nel '66), si tratta del primo vero tentativo di romanzo di King. Pubblicato molti anni dopo con il nome di Richard Bachman (è il primo romanzo ad uscire con questo pseudonimo)
- il padre di Charlie è un appassionato dei libri di Richard STARK, pseudonimo di Donald Westlake. STARK è lo pseudonimo che usa il protagonista de 'La metà oscura'.
- Charlie a un certo punto dice di sentirsi come WILD BILL HICKOK, che troviamo ne 'Il Miglio Verde' quando Edgecombe dà a William Warton il soprannome Wild Bill.
- King accettò di ritirarlo dalla stampa dopo che alcuni fatti di cronaca vennero associati al romanzo: nell'armadietto dello studente Michael Carneal, che sparò a tre suoi compagni il 1°dicembre 1997 in Kentucky, fu trovata proprio una copia di 'Ossessione'


Opinioni personali  Il libro è poco conosciuto tra il grande pubblico, anche perchè è stato messo da tempo fuori catalogo a seguito delle polemiche suscitate negli Usa dall'incrementarsi di episodi delittuosi all'interno delle scuole; si è voluto evitare di offrire a qualche lettore sprovveduto qualunque spunto di emulazione. Lo stesso King ha detto di non amare questo romanzo. Detto questo, il romanzo tiene il lettore in tensione fino in fondo. 
QUI LA MIA ANALISI
VOTO: 7+  

Nessun commento:

Posta un commento