9 settembre 2014

Il racconto di una riga erroneamente attribuito a King

Da anni circola sul web la notizia di una gara letteraria a cui avrebbe partecipato Stephen King. Il gioco consisteva nel riuscire a scrivere un racconto che iniziasse e terminasse in una singola riga.
Prova davvero ardua, anche per un autore di bestseller come King.

Molti giornali e siti internet hanno pubblicato quella che sarebbe la creazione pensata da Stephen King, cioè questa:

"L'ultimo uomo rimasto sulla Terra è solo nella stanza. Bussano."


Un esempio davvero brillante di come usare la suspense in così poche parole. Peccato, però, che la paternità dell'opera non sia da attribuire allo Zio...

Fredric Brown
Infatti la frase citata sopra è solo un estratto di un racconto di Fredric Brown (1906-1972; scrittore di fantascienza) pubblicato per la prima volta nel 1948 sulla rivista Wonder Stories, intitolato 'Knock' (tradotto come 'Toc, Toc' o 'Chi è'). 


Le prime due frasi del racconto sono una specie di flash fiction, con poche parole Brown raggiunge il punto più alto della narrazione:


 "C'è una dolce, piccola storia dell'orrore che è lunga soltanto due frasi.
L'ultimo uomo sulla Terra sedeva da solo in una stanza. Qualcuno bussò alla porta."

A sua volta, però, Brown non sarebbe l'autore originale di questa frase. Pare che una storia simile circolasse già da tempo negli Stati Uniti, e che il primo a raccontarla (in forma diversa) sarebbe stato Thomas Aldrich nel 1870: "A woman is sitting alone in a house. She knows she is alone in the whole world; every other living thing is dead. The doorbell rings." (Una donna è sola in casa. Sa di essere l'ultima al mondo. Tutte le cose viventi sono morte. Il campanello suona)

Stephen King avrebbe solo citato un racconto simile in un'intervista giornalistica, da qui l'errata attribuzione a lui della storia.

Nessun commento:

Posta un commento