8 gennaio 2016

Un articolo di King su John D. MacDonald

John D. MacDonald
Sul sito heraldtribune.com Stephen King ha parlato dell'influenza che ha avuto su di lui la lettura dei romanzi di John D. MacDonald, autore americano scomparso nel 1986.

MacDonald è noto per i libri della serie di Travis McGee e per il famoso romanzo "Il promontorio della paura".

King ricorda come s'imbattè in questo scrittore all'età di 12 anni:
"Il mio primo romanzo di MacDonald, Murder in the Wind, fu come un getto d'acqua fredda in faccia a un addormentato. In quel libro, e negli altri che seguirono, ho riconosciuto il vero volto del male. In altri libri, come The End of The Night o The Last One Sinistra, ho incontrato mostri immaginari come Ted Bundy e John Wayne Gacy molto prima che diventassero materiale per i titoli dei giornali. [...] I libri di John sono brillantemente stimolanti. [...]

Nel 1977, mentre stavo preparando la mia prima raccolta di racconti per la pubblicazione, scrissi una timida lettera a MacDonald, chiedendogli se voleva scrivere l'introduzione al mio libro, che s'intitolava Night Shift (A volte ritornano, ndt). Rispose che l'avrebbe fatto se le storie gli fossero piaciute. Così gliele inviai, e lui poi scrisse l'introduzione. [...]

Sono in debito con lui per quell'introduzione e anche per un'altra cosa. Un giorno il mio figlio più giovane (Owen) notò al campus della Columbia University una ragazza carina che leggeva A Place for Dying Viola. I due discussero del romanzo e potete immaginare come è andato il seguito... Amo mia nuora alla follia, e sono contento che la donna che ha sposato mio figlio sia una fan di Travis McGee."





Nessun commento:

Posta un commento