18 ottobre 2016

Torre Nera - Parla l'esperta Robin Furth

Robin Furth, l'esperta kinghiana del mondo della Torre Nera, è stata intervistata per il sito francese La Tour Sombre.



"Come hai iniziato a collaborare con Stephen King?"

"Ho iniziato a lavorare per lui nel 2000. All'epoca studiavo all'Università di Orono. Uno dei miei supervisori era il professor Burt Hatlen, che molti ricorderanno come uno dei principali sostenitori di King quando iniziò la sua carriera. Burt un giorno mi disse che aveva del lavoro per me. On Writing era stato pubblicato da poco e Stephen aveva ricevuto un gran numero di partecipazioni al concorso di scrittura che aveva indetto per promuovere il libro. Aveva bisogno di qualcuno che lo aiutasse a riorganizzare tutte le risposte, e aveva contattato Burt, che sapendo il mio amore per l'horror e la fantascienza, mi propose per questo lavoro. Durò sei settimane, poi, quando incontrai di persona King nel suo ufficio, lui mi disse che stava per ricominciare a scrivere la Torre Nera e gli serviva qualcuno che lo aiutasse a creare un indice di luoghi e personaggi coi numeri di pagina in cui comparivano, in modo da ritrovarli facilmente. Naturalmente ho accettato!

Mi ci sono voluti due mesi per terminare la prima Concordance, non mi sono accontentata di un indice ma ho creato una vera enciclopedia. [...] Ho continuato ad aggiornare il volume man mano che Stephen mi passava i manoscritti. Quando la Torre arrivò al suo epilogo mi sentii molto triste, significava che la mia collaborazione con King era giunta al termine.
Ma non passò molto, e nel 2005 la Marvel contattò King per l'adattamento a fumetti della saga. Decisero che avrei lavorato come consulente, ma durante un incontro Stephen disse che voleva che facessi parte degli autori! Sono rimasta sorpresa e onorata."



"Possiamo sperare che la serie a fumetti coprirà l'intera saga, anche se ci vorranno decenni?"

"Mi piacerebbe. Tuttavia dobbiamo aspettare e vedere come lavorerà la ruota del Ka..."


"Le storie aggiunte nei fumetti erano davvero buone. Perchè non pensate di scrivere delle storie tutte vostre?"

"Grazie, è un progetto che amerei intraprendere, ma penso che King avrà ancora modo di narrare della Torre. Personalmente mi auguro che ci racconterà la storia di Arthur Eld e dei suoi cavalieri."

"Sei stata coinvolta nel progetto del film?"

"Sì, ho lavorato come consulente per la MRC. E' stato un viaggio incredibile. Ho un gran rispetto per gli sceneggiatori e il regista Nikolaj Arcel, hanno lavorato duramente per ricreare il Medio-Mondo. Sono ansiosa di vedere il risultato finale!
So che molti fan sono preoccupati per i cambiamenti dello script (dopotutto, sono stati onesti nel dire che non si tratta di un adattamento dei libri) e per l'aspetto di Roland. Io credo che la scelta di Elba sia stata geniale. Come ha twittato lo Zio: 'Il colore del pistolero non importa, conta che spari veloce e che si prenda cura del suo ka-tet.' "




[fonte: latoursombre.fr]

Nessun commento:

Posta un commento