8 novembre 2016

Danse Macabre - Guida ai libri da leggere e ai film da vedere

Fedeli Lettori, tra una settimana tornerà nelle librerie italiane il saggio di Stephen King sull'horror, in una versione aggiornata a cura di Giovanni Arduino. 

Per l'occasione, ho rinfrescato la lettura della vecchia edizione e ho pensato di offrirvi qui una mini-guida alla lettura, con una selezione personalissima di alcuni film e romanzi di cui King parla nel libro. Sono molti i titoli che lo Zio cita, ma ne ho scelti solo alcuni per restringere il campo a ciò che ritengo prioritario.



 Stephen King individua 2 tipi di mostruosità:
                                                              
PSICHICA                            ESTERNA
                                 (il male dentro l'uomo)       (il male che arriva da fuori)


Passa poi a discutere di tre romanzi della letteratura inglese di cui è impossibile non parlare se si vuole comprendere il genere dell'orrore nel trentennio tra il 1950 e il 1980: Frankenstein, Lo strano caso del Dottor Jekill e Mr. Hyde e Dracula.
Libri che lo Zio indica come perfettamente rappresentativi di alcune idee del Male, individuate in 3 figure:
 LA COSA SENZA NOME
IL LICANTROPO
IL VAMPIRO

Più avanti aggiungerà a questo trittico l'analisi delll'altra illustre figura mitica del soprannaturale, il Fantasma.


Nel capitolo dedicato alla filmografia horror 
King suddivide le pellicole in base a tre paure:
economiche - politiche - sociali



Qui sotto vi propongo un breve elenco di film in ordine cronologico tra i tanti che lo Zio cita e analizza in Danse Macabre:


Dracula, di Tod Browning e Karl Freund (1931)






  


Frankenstein, di James Whale (1931)









Freaks, di Tod Browning (1932)









Il mostro della laguna nera, di Jack Arnold (1954)









La Terra contro i dischi volanti, di Fred F. Sears (1956)










L'invasione degli ultracorpi, di Don Siegel (1956)











Gli uccelli, di Alfred Hitchcock (1963)









La notte dei morti viventi, di George Romero (1968)










Rosemary's Baby-Nastro rosso a New York, di Roman Polanski (1968) 








L'esorcista, di William Friedkin (1973) 










Non aprite quella porta, di Tobe Hooper (1974) 









Alien, di Ridley Scott (1979) 












Per quanto riguarda la narrativa, sono tanti i titoli che andrebbero consigliati, qui ho tentato di segnalarvene una parte. Alcuni di questi possono essere fuori catalogo e andrebbero cercati nell'usato sui vari siti di vendite on-line:


Frankenstein (1816/17)

di Mary Shelley















Lo strano caso del Dottor Jekill e Mr. Hyde (1886)

di Robert L. Stevenson














Il Gran Dio Pan (1890)

di Arthur Machen















Dracula (1897)

di Bram Stoker















Il giro di vite (1898)

di Henry James















Le montagne della follia (1936)

di H.P. Lovecraft 













I trasfigurati (1955)

di John Wyndham















Gli invasati (1955)

di Jack Finney
















Tre millimetri al giorno (1956)

di Richard Matheson
  











L'incubo di Hill House (1959)

di Shirley Jackson














Il popolo dell'autunno (1962)

di Ray Bradbury















Rosemary's Baby (1967)

di Ira Levin
















La fabbrica delle mogli (1972)

di Ira Levin














Nebbia (1975)

di James Herbert 
















La bambola che divorò sua madre (1976)

di Ramsey Campbell















Nostra signora delle tenebre (1977)

di Fritz Leiber















Ghost Story (1979)

di Peter Straub 















 ===


Nessun commento:

Posta un commento