10 giugno 2017

Torre Nera - Cose da sapere a due mesi dall'uscita del film

Fedeli Lettori del blog, mancano due mesi esatti al 10 agosto, giorno in cui uscirà anche in Italia il film della Torre Nera, tratto dall'opus magnum di Stephen King. 
Lasciate che vi chiarisca un po' di cosette su questo progetto, di cui tanto si è parlato e su cui non tutti hanno forse le idee chiare. 

Innanzitutto, l'idea di base della produzione sarebbe di realizzare tre film in totale, intervallando ad essi due serie tv (una delle quali dovrebbe debuttare nel 2018, e narrerà le vicende del 4° volume, La Sfera del Buio).

In secondo luogo, scordatevi di pensare che si tratti di un adattamento che riprodurrà fedelmente nei dettagli la storia originale. No. Alla Sony hanno (secondo me giustamente) compreso che (considerando anche il budget ridotto) non sarebbero riusciti ad accontentare i fan più affezionati alla saga, e hanno deciso di ripensare la trama a modo loro. Vediamola così: "ci sono altri mondi oltre a questo", e in questi mondi Roland fa percorsi leggermente diversi...

Per quanto riguarda, invece, il contenuto di questa prima pellicola, bè... non si tratterà propriamente di una trasposizione esatta del primo libro (L'ultimo cavaliere), ma presenterà vari elementi presi anche da altri libri della serie. Per esempio, troveremo i malvagi Taheen e Can-Toi già da subito, e sono stati inseriti anche personaggi del tutto assenti nei romanzi. (Ah, per vedere Eddie, Susannah e Oy dovremo aspettare, forse, i film successivi); per il cast completo cliccate qui.
 
Gli 8 volumi della saga

Da quel poco che si è visto nel trailer, pare che l'idea alla base della Torre Nera sia stata un po' semplificata, concentrando il tutto sulla dicotomia Roland/Uomo in Nero, Buono/Cattivo. Comprensibilmente, una scelta che punta ad attirare un pubblico generico, e non di soli "lettori". 
(A proposito, se non avete mai letto la Torre e non avete idea di cosa si tratti, cliccate qui per maggiori info).

Elba vs McConaughey

Chi conosce come le proprie tasche tutta l'epica avventura del pistolero di Gilead sa bene quanto sia complessa e densissima di significati, ma ciò non esclude che abbiano realizzato un prodotto comunque godibile e suggestivo. E anche se Idris Elba non potrà ricordare a molti il volto di Roland, secondo me farà ricredere gli scettici con una degna interpretazione.

Attendiamo di vedere questo film prima di fasciarci la testa, e poi ognuno trarrà le sue conclusioni.

Lunghi giorni e piacevoli notti

Maurizio

5 commenti:

  1. Hai ragione su tutto. Idris espelle figaggine da ogni poro della pelle. È un pistolero degno. Chissene del colore. Mattew è perfetto a dir poco. Speriamo solo di vedere davvero Eddie e Susy. Magari anche Oy prossimamente. Se questo incassa allora aumentano le speranze. Non è così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Marco. Sì, esatto. Un po' come tutte le produzioni cinematografiche, la realizzazione dei sequel dipenderà in parte dal successo che avrà questo primo film.

      Elimina
  2. Io lo vedo semplicemente come un film.
    Se anche dovesse far schifo resterebbero sempre le emozioni provate con i romanzi e per giunta potrebbe far da traino per futuri nuovi lettori della saga, che di sicuro dopo il film dovrebbero fioccare (almeno mi auguro).

    RispondiElimina
  3. Anche perché,diciamolo,la torre nera non è subito di facile comprensione ad una prima lettura e un film uguale al libro sarebbe risultato incomprensibile ai più,con conseguente calo di pubblico e impossibilità di vedere altri capitoli.

    RispondiElimina