3 marzo 2010

Stephen King e la fine che fece l'anello della moglie Tabitha

Nel 2014 uscì sul numero 59 della rivista americana Tin House un articolo di un paio di pagine intitolato The Ring (L'anello) in cui Stephen King riportava alla luce alcuni aneddoti legati al matrimonio con la moglie Tabitha.

I King davanti la casa di Bangor, 1980


Una sera dell'estate del 1970, mentre erano a letto, lui le chiese di sposarlo. "Ne parliamo domani mattina. Ora voglio solo dormire" fu la tiepida risposta di Tabby...

Ne discussero il giorno dopo, ma Tabitha non era convinta fosse un'ottima idea: si era laureata da poco ma non aveva un lavoro, e Stephen si arrabattava con il poco che guadagnava sgobbando in una lavanderia (esperienza che rievoca spesso in alcune sue vecchie opere).

I nostri due innamorati, insomma, non se la passavano benissimo. Nonostante tutto, fissarono la data delle nozze: 2 gennaio 1971.

In autunno si recarono in un negozio di gioielli della zona per scegliere gli anelli in oro più economici disponibili, che vennero a costare 15 dollari.

Tabby e Steve il giorno della nozze

Diversi anni dopo, Tabitha perse accidentalmente il suo anello, che le scivolò dal dito mentre stava lavando i piatti. Smontarono il lavandino alla ricerca dell'anello, ma non fu ritrovato. Tabby non si diede pace, non era un gioiello di gran valore economico, ma per lei era tutto.

Stephen King, dopo quarantotto anni, continua a indossare sempre la fede nuziale che, dice, "è un modo per tenere i piedi per terra. Per ricordare che il valore di un oggetto non è sempre rappresentato dal suo costo."

[fonte: club-stephenking.fr]


Nessun commento:

Posta un commento