17 dicembre 2015

Lorenzo Ricciardi ci parla del suo saggio

Hile, folken.
                   Ho il piacere di ospitare sul blog una presentazione del saggio "Stephen King, l'altra metà oscura", che l'autore Lorenzo Ricciardi mi ha gentilmente rilasciato. Scopriamo qualcosa in più su questo volume e sul suo autore.


Lorenzo Ricciardi
È nato tutto quasi per gioco, più di quattro anni fa. Dopo aver letto tutti (o quasi) i suoi romanzi, iniziai a procurarmi tutti i saggi, italiani e non, dedicati a Stephen King, raccogliendo diverse interessanti informazioni sulla sua vita privata e professionale e sui suoi progetti, soprattutto quelli rimasti incompleti o inediti. Tutto l’universo kinghiano è così affascinante che basta poco per innamorarsene perdutamente e farsi trasportare dalle emozioni. 
Stephen King è ancora lo scrittore più famoso del mondo, il più popolare, il più prolifico, l’unico in grado di riunire e mettere d’accordo fan e lettori dei generi più disparati: non solo l’horror, ma anche il noir, il giallo poliziesco, il fantasy, il drammatico e molti altri. Decisi quindi di utilizzare quelle informazioni per scriverne un libro. Con il tempo ho deciso poi di coinvolgere anche artisti e colleghi di King che hanno fatto o fanno ancora parte, in un modo o nell’altro, della sua vita. La mia idea era quella di raccontare il Re del brivido da una prospettiva diversa, dando la parola ai protagonisti. Volevo cercare di fare qualcosa di diverso da quello che era stato fatto fino a quel momento. 
Nel frattempo ho scritto altri saggi (sul film Zombi di Romero, sulla saga della Bambola Assassina e uno sul genere Mockumentary), ne ho pubblicati altri come editore (Voci Notturne di Pupi Avati e uno dedicato a M. Night Shyamalan), ho continuato a scrivere per diverse riviste internazionali di cinema horror (Ecran Fantastique, SciFiWorld, Fangoria, Virus e Scream) e sono da poco capo-redattore della rivista italiana Weird Movies, ma il libro su King è sempre stato il mio chiodo fisso, ho sempre continuato nei ritagli di tempo ad aggiornarlo e modificarlo in attesa di pubblicarlo. Il lavoro è stato lungo e impegnativo, ma vederlo finalmente completo è molto gratificante.
È composto da una mia introduzione e due prefazioni, una dello scrittore italiano Gianfranco Nerozzi e una del biografo ufficiale di King Bev Vincent; poi c’è una lunga biografia, un capitolo dedicato a Bachman (nascita, sviluppo, storia e morte del suo pseudonimo) e uno dedicato completamente alla Torre Nera (scritto da Matteo Barbieri); poi si passa al capitolo dedicato a critiche e recensioni di tutti i suoi romanzi (scritte da Vincenzo Azzollini), un elenco delle antologie (edite in Italia) dei suoi racconti brevi, un altro elenco con tutte le antologie di scrittori vari che contengono almeno un suo racconto breve e un capitolo, quello a cui tengo di più, con tutti i racconti, articoli, saggi, ebook, novelle inedite o pubblicate in edizioni limitate o speciali; poi si passa alle interviste: Tullio Dobner, storico traduttore di King, Mick Garris e Frank Darabont, oltre a tutta una serie di brevi contributi di suoi colleghi (Ramsey Campbell, Jack Ketchum, Joe Lansdale, Michael Laimo, Joe McKinney, Simonetta Santamaria) e registi e produttori che hanno lavorato insieme a King (Scott Derrickson, Richard Rubinstein, Tom Holland, Tommy Lee Wallace, Craig Baxley, Lewis Teague, Tommy McLoughlin); un altro capitolo con le recensioni e curiosità di tutti i film tratti dalle sue storie, usciti al cinema o in tv; e per finire un breve saggio sui contrasti tra King e Kubrick (scritto da Danilo Arona), un piccolo capitolo dedicato al figlio Joe Hill e una mini-intervista all’assistente personale di King. 

Di carne al fuoco ce n’è tanta, un po’ per tutti i gusti. Spero di ricevere un po’ di recensioni, positive o negative (l’importante è che siano costruttive) non importa, ma dopo tanto tempo a lavorarci su (e dopo averlo modificato, aggiornato, letto e riletto almeno 100 volte) adesso mi piacerebbe sapere cosa ne pensa la gente.
Al momento il libro è ordinabile solo online, su questi siti: weirdmovies.it/book, www.thrauma.it e www.amazon.it. 
Spero di riuscire a distribuirlo anche in qualche grossa libreria.




Nessun commento:

Posta un commento