25 maggio 2017

La nuova edizione cartonata di IT presto in libreria

La Sperling & Kupfer ha appena annunciato per il 27 giugno il ritorno nelle librerie di IT in una nuova edizione cartonata, con in copertina l'immagine della locandina del film di Andrès Muschietti con Bill Skarsgård, nei cinema dopo l'estate.

Che ve ne pare?
A me non dispiace affatto.


Foto inedite di Tim Curry sul set della miniserie IT

In attesa del film-documentario, sono state mostrate alcune foto mai viste prima dell'attore Tim Curry sul set della miniserie del 1990 tratta da IT di Stephen King, e diretta da Tommy Lee Wallace.



[fonte: pag. fb "Tim Curry -www.timcurry.co.uk - The Tim Curry Website!"]

23 maggio 2017

Stephen King: "Spero che nel film ci sarà posto in futuro per Eddie e Susannah"

Stephen King ha rilasciato altre dichiarazioni al sito ign.com, tra cui l'auspicio che il trio formato da Eddie, Susannah e Oy possa tornare in un prossimo film della Torre Nera, dato che nella prima pellicola in uscita ad agosto non li ritroveremo. "Mi mancano. Mi mancano tutti e tre." - ha detto King - "Sono gli amici di molte avventure e di molte ore passate a creare storie. Mi piacerebbe che riuscissero a inserirli nella storia in qualche modo."




E a proposito degli easter egg di Shining e IT che abbiamo visto nel trailer, lo Zio svela che ama particolarmente una sorpresa che non viene mostrata nella clip, ma che troveremo guardando il film: "Se gli spettatori che conoscono bene le mie opere guarderanno con attenzione, si accorgeranno di Cujo [il San Bernardo dell'omonimo romanzo, NdT]. Tenete d'occhio Cujo a New York City."


[fonte: ign.com]

Un vaso di biscotti... che affaccia su altri mondi

E' disponibile in tutte le librerie la nuova edizione economica de Il Bazar dei Brutti Sogni, che contiene una sorpresa: il racconto inedito Il vaso dei biscotti, tradotto da Giovanni Arduino.

Una storia uscita on-line in America soltanto dopo la pubblicazione dell'ultima antologia di Stephen King, e inserita anche dalla Scribner nella versione tascabile della raccolta.






Il giovanissimo Dale non sa ancora che sta per diventare il depositario di un grande segreto. Il bisnonno Rhett gli sta raccontando com'era la vita all'epoca della guerra. Ne ha viste davvero tante il vecchio Rhett. Ma c'è un fatto misterioso che non aveva mai rivelato a nessuno prima d'ora. Un segreto legato al vaso di biscotti blu di sua madre, dal quale attingeva insieme ai suoi fratelli. Quel barattolo non si esauriva mai...

Ancora una volta lo Zio ci racconta di "altri mondi", e ci dimostra che non esiste una sola realtà. Ci sono porte che sarebbe meglio non aprire, e coperchi che non andrebbero sollevati, se non si vuole impazzire.



22 maggio 2017

L'uscita italiana del nuovo IT slitta al 19 ottobre!

Doveva sbarcare in Italia nel giorno del settantesimo compleanno di Stephen King, il 21 settembre. E invece... 
la prima parte del nuovo IT di Andrès Muschietti potremo vederla al cinema solo dal 19 ottobre 2017.

Non sono stati chiariti i motivi dello spostamento.



[fonte: horrorstab.com]

21 maggio 2017

Sperando di aver trovato le parole giuste

Potrei iniziare questo post citando l'incipit di 22/11/'63, e dirvi che "non sono un uomo facile alle lacrime" e bla bla bla... Ma non sarebbe vero, e neanche onesto: sarebbe solo un espediente letterario per iniziare in modo figo l'articolo.

Quello che è successo venerdì a Torino va oltre la passione per Stephen King che ci ha riunito tutti al Salone. Non eravamo insieme solo perchè ci piace lo stesso scrittore, c'era qualcosa che andava oltre (o, anzi, veniva "prima"): il volersi bene.
Prima le persone, dopo i libri. "La vita non è un supporto all'arte", lo dice anche lo Zio. E' il contrario. Uno scrittore cosa può trasmettere se non ha assaporato il calice della vita? Un lettore come può bearsi delle pagine più belle della letteratura se recluso tristemente nella solitudine della sua anima?

Il segreto dell'armonia di questo enorme ka-tet kinghiano sta nella verità negli occhi dei suoi componenti. Negli abbracci tra chi non si era mai visto prima nemmeno una volta, ma pareva conoscersi da un'eternità. Nei doni scambiati, cose che un domani "lasceremo indietro", testimonianza di legami indissolubili. Nei sorrisi più larghi, e in quelli più timidi e impacciati.

Una comunione che, in realtà, penso non abbia nulla a che fare coi libri e la lettura in generale. Sì, non è strano quello che affermo. Chi legge non è una persona migliore in quanto tale, affermare il contrario sarebbe una grandissima idiozia. Su facebook sono incappato anche in lettori (o presunti tali) che si sono rivelati esseri abominevoli di una meschinità senza limiti. Dimostrazione che a qualcuno la lettura, forse, fa più male che bene.
Se l'altro giorno c'è stata chimica, non dovete ringraziare solo la passione per i libri del Nostro, ma le persone che siete, o che perlomeno avete dimostrato di essere.

Ho conosciuto per la prima volta amici che associavo solo a un'immagine in un quadratino, e il cui cuore sconfina ben oltre quel perimetro ristretto sullo schermo. Chi l'ha detto che i social fanno solo male? Se non vi avessi conosciuto su internet, forse avrei vagato per gli stand del Salone senza fare caso a quella signora bionda con la maglietta bianca, o a quel tizio con gli occhiali e la barba nera... eccetera eccetera...

Un incontro facilitato dagli squisiti padroni di casa, Loredana e Giovanni (se state leggendo queste righe sapete già chi sono...), che hanno pensato a dare alla serata l'atmosfera di una festa tra amici, senza seriosi intenti accademici. Al resto ci ha pensato il calore degli scatenati membri di Stephen King-Italia, il miglior gruppo facebook italiano dedicato al Re, di cui Samuele (Giacomella!) è stato rappresentante, in quanto fondatore.

Nella speranza di rivedervi, dico grazie-sai a tutti.

Lunghi giorni e piacevoli notti

Maurizio


 P.S. Samuele sa perchè ho messo fra parentesi il suo cognome. Mi odierà ancora? 😜



18 maggio 2017

Torre Nera - Disponibile da luglio la linea Pop! targata Funko

La Funko annuncia per il mese di luglio l'uscita della linea Pop! dedicata al film della Torre Nera, nei cinema italiani dal 10 agosto.

Due le versioni del Pistolero (Idris Elba), una standard e una esclusiva per Barnes&Noble, una sola quella dell'Uomo in Nero (Matthew McConaughey).





[fonte: nerdhorizon.com]

16 maggio 2017

Stephen King e Richard Chizmar ci riportano a Castle Rock

Amici kinghiani, c'è una storia di Castle Rock che non è ancora stata raccontata... Esce oggi negli Stati Uniti Gwendy's Button Box, la novella scritta da Stephen King insieme all'amico Richard Chizmar, fondatore della Cemetery Dance Publications, casa editrice che pubblica proprio questo romanzo breve.


Ambientata nell'estate del 1974, la storia vede come protagonista la dodicenne Gwendy Peterson, che s'imbatterà in un misterioso uomo in abito scuro seduto su una panchina...

Con le illustrazioni interne di Keith Minnion, il volume è disponibile sul sito della Cemetery Dance in diversi formati, anche con l'autografo di Chizmar: cemeterydance.com

Non ci sono ancora notizie sull'eventuale pubblicazione italiana, ma Chizmar mi ha personalmente espresso parole fiduciose in merito.


14 maggio 2017

Il Gioco di Gerald - Parla il regista Mike Flanagan

In attesa di conoscere la data in cui il film tratto da Il Gioco di Gerald debutterà su Netflix, il regista Mike Flanagan (Oculus) è stato intervistato da Justin Hamelin.



"E' stata una vera sfida per tutte le persone coinvolte" - ha detto Flanagan - "ma non credo che qualcuno abbia avuto le stesse difficoltà di Carla Gugino [che interpreta la protagonista Jessie]. Carla ha trascorso la maggior parte del tempo ammanettata a un letto. Prima di tutto, c'è il disagio fisico (è molto doloroso, ho provato io stesso, e non potevo resistere che per pochi minuti). E poi c'è anche l'aspetto dell'esposizione e della vulnerabilità, fisica ed emotiva. La performance di Carla è stata sorprendente.


Carla Gugino (Jessie) e Bruce Greenwood (Gerald)


"Non sappiamo ancora quando andrà in onda, ma non vedo l'ora che la gente lo veda. E' stato un progetto che mi ha preso sin da quando avevo 19 anni, ho passato metà della mia vita a pensare di voler fare questo film. E per molto tempo ho creduto che non fosse possibile girarlo. Non so se sono stato tanto fiero di un mio film come ora.

Stephen King in persona è intervenuto sui social network, definendo il film "Ipnotico e spaventoso, vi sconvolgerà."

"Siamo stati in contatto con Stephen fin dall'inizio" - continua il regista - "soprattutto nei momenti della scelta del cast. Ero determinato ad onorare lo straordinario romanzo di King. Adattare il Re è difficile e rischioso, sappiamo bene cosa succede quando le cose vanno male. Volevo che lui [King] amasse il film, ed ero felice quando ho saputo che era così."

[fonte: mangledmatters.wordpress.com]

 

12 maggio 2017

Mr. Mercedes - La serie tv debutta il 9 agosto negli Usa

Mercoledì 9 agosto andrà in onda alle ore 20 su Audience Network il primo dei 10 episodi della serie televisiva tratta da Mr. Mercedes, il primo capitolo della trilogia poliziesca di Stephen King.

Ideata da David E. Kelly (Ally McBeal), vede Brendan Gleeson nei panni del detective in pensione Bill Hodges, che darà la caccia al serial killer Brady Hartsfield (Harry Treadaway).

Non ci sono ancora notizie sull'eventuale messa in onda italiana.


[fonte: liljas-library.com]

11 maggio 2017

La Zona Morta - Storia editoriale del romanzo di Stephen King

Fedeli Lettori, terminata la rilettura de La Zona Morta vi propongo una ricostruzione della genesi editoriale di questo bellissimo romanzo uscito alla fine degli anni '70.



Sul finire di quella decade lo Zio affrontò alcune novità nella sua vita professionale,  cambiò editore e per la prima volta si fece seguire da un agente.
In un momento di stallo con la Doubleday sul contratto di alcuni suoi libri, nonostante il sostegno interno di Bill Thompson, King consultò l'agente Kirby McCauley, che aveva già incontrato a una festa nel 1976. McCauley suggerì di proporre i libri alla NAL, il suo editore per i paperback. La New American Library soddisfò la richiesta e cedette i diritti in hardcover alla Viking.



Stephen King iniziò a scrivere La Zona Morta nel 1976, con l'intento di narrare la storia di un insegnante di liceo, professione che lui conosceva bene vista l'esperienza alla Hampden Academy. L'idea di base ruotava attorno a un assassino di bambini in una piccola cittadina. Immaginò la scena di un insegnante che quando tocca la mano di uno dei suoi studenti vede la sua casa in fiamme.

Qualcosa però non andava. Dopo aver terminato L'Ombra dello Scorpione, lo Zio attraversò un periodo in cui sentiva che molte sue storie non funzionavano. Mise da parte La Zona Morta, e si dedicò alla stesura de L'Incendiaria, ma ritornò a prendere in mano il manoscritto accantonato appena si accorse che stava quasi riscrivendo la storia di Carrie... Temeva di imitare se stesso. In quel periodo buttò giù un paio di racconti brevi (Il bicchiere della staffa e I figli del grano), e finalmente terminò la prima stesura della Zona Morta nel '77, prima di partire per l'Inghilterra.

Quando aveva circa quattro anni, secondo quanto riporta Bev Vincent in un articolo, King sarebbe stato colpito da un giocatore di hockey, rimanendo a terra per alcuni minuti. E' uno dei suoi primissimi ricordi d'infanzia che sfruttò come base per il prologo del romanzo, in cui si narra l'incidente di Johnny sul ghiaccio, episodio che sarà l'origine della sua capacità di preveggenza. Proprio come Peter Hurkos (1911-1988), un signore olandese, citato nel libro, che manifestò percezioni extrasensoriali a seguito del coma dopo una caduta dalle scale all'età di 30 anni.

Huey Long
Nel romanzo, la facoltà di vedere nel futuro permette a John Smith di conoscere i terribili propositi di Greg Stillson, candidato alla Camera dei Deputati. L'esperto kinghiano Douglas E. Winter vedrebbe nel cognome di Stillson la fusione tra "still" (ancora) e "Nixon". Recentemente King ha detto di essersi invece ispirato a Huey Long, politico americano che ricoprì la carica di senatore dal 1932 al 1935, anno del suo assassinio. Un personaggio controverso, ritenuto da alcuni un populista, da altri un demagogo.



King voleva chiedersi se un omicidio politico potesse essere la cosa giusta da fare, e se si potesse fare di un assassino l'eroe di un libro. L'assassinio a sfondo politico diventò per ammissione di King uno spauracchio dal giorno in cui uccisero John F. Kennedy a Dallas. Lo Zio non volle comunque che risultasse dalla sua storia che si potesse "giustificare" un omicidio per risolvere eventuali malcontenti politici futuri.

Pubblicato nell'agosto del 1979, La Zona Morta rimase per circa sei mesi nella classifica dei best-seller del New York Times, con 175.000 copie in hardcover vendute nel primo anno. Fu pubblicizzato con un grande tour promozionale di King, che si mostrò molto più soddisfatto dell'edizione in copertina rigida Viking rispetto alle precedenti stampate dalla Doubleday.





Negli anni successivi all'uscita King ha spesso citato La Zona Morta, primo romanzo dove troviamo la città di Castle Rock, come la sua opera preferita. Lo definì "un vero romanzo", con una storia vera e propria. "Alcune delle mie storie sono semplici situazioni che si sviluppano da sole" - ha detto King - "Questa, invece, ha una bella struttura stratificata." In un'altra intervista ha detto: "Penso che La Zona Morta sia l'unica volta in cui sono riuscito a tornare indietro e affrontare davvero l'intera riscrittura di una storia con un'idea unificante in testa che lo ha reso un romanzo."

Lunghi giorni e piacevoli notti

Maurizio


8 maggio 2017

Il secondo trailer ufficiale del nuovo IT

E' stata mostrata domenica nel corso degli MTV Awards una seconda clip ufficiale del nuovo film di Andy Muschietti tratto da IT di Stephen King, una prima parte incentrata sulle vicende dei Perdenti da ragazzini.

Nei cinema italiani dal 21 settembre



La Zona Morta - Un romanzo struggente e profetico

Fedeli Lettori del blog, ho concluso in questo fine settimana la seconda lettura de La Zona Morta di Stephen King, otto anni dopo la prima volta.



Pubblicato negli Stati Uniti nel 1979, è il primo libro di King uscito con la casa editrice Viking. E non solo: si tratta della prima storia ambientata a Castle Rock, la cittadina che sarà teatro di molti altri romanzi del Nostro.

SPOILER ALERT!

Tutto ruota attorno alla sventurata esistenza di John Smith, un ragazzo che dopo un incidente stradale rimane in coma per oltre quattro anni. Nessuno pensava che si sarebbe risvegliato, e invece...
Johnny riapre gli occhi nella sua stanza d'ospedale. Per lui sono passate solo poche ore da quando aveva preso un taxi dopo aver accompagnato la fidanzata Sarah a casa. Ricorda a stento l'impatto frontale con quell'altra maledetta auto.
Chi può trovare il coraggio di dirgli che, mentre lui vegetava in un letto, il mondo che conosceva spariva?  Sarah si è sposata con un altro. La magia di quella serata in fiera con lei è destinata a restare un ricordo che lascerà ferite sanguinanti. Un amore mancato. Baci sulla ruota panoramica congelati nell'istantanea di un fotografo.

Anche la vita dei genitori di Johnny cessa di avere un senso. Il padre Herb si butta a capofitto sul lavoro, mentre la madre Vera perde il senno, in un delirio religioso che arriva al fanatismo (ricordando a tratti la figura della madre di Carrie White): inizialmente convinta che Dio abbia punito il figlio per i loro peccati, Vera giunge poi ad autoconvincersi che il Signore ha fatto di Johnny un privilegiato.

E' forse una delle storie più terribili e disperate narrate da King. Possiamo solo immaginare i pensieri cupi che attraversano la mente di un uomo che in un attimo fatale perde tutto. Ferito nel cuore e nel fisico, Johnny affronta una lunga Via Crucis sulla strada verso la riabilitazione. E scopre, suo malgrado, di possedere un dono. Si accorge che, a volte, toccando le persone riesce a conoscerne i segreti più intimi, e a prevedere il loro futuro.

Una capacità che forse molte persone vorrebbero possedere, ignare delle conseguenze. Sì, perchè la vita di Johnny presto si trasforma in un inferno. Tra chi lo evita temendo che possa sbirciare nei torbidi segreti del passato, e chi invece lo tempesta di lettere supplicandolo di predirgli come andrà il futuro.

John ha bisogno di isolarsi, di fare quadrato attorno a se stesso. King ci mette di fronte al dilemma del protagonista, che non sa fino a che punto la sua dote sia un dono o una condanna. Come farne il giusto uso? E soprattutto: è bene farne uso?

Il nostro Johnny lo scopre quando lo sceriffo Bannerman di Castle Rock lo contatta. C'è un serial killer in città che miete vittime da anni, e Bannerman non sa più che pesci pigliare. Si sente un pazzo ad aver chiesto la consulenza di un veggente, o presunto tale. Ma è disperato e disposto a tutto.
E Johnny accetta di aiutarlo. Dopo un iniziale rifiuto categorico e indispettito, Johnny consente a dare una mano nelle ricerche dello strangolatore di Castle Rock.

Il caso viene risolto.

John Smith scopre ancora una volta di avere nelle sue mani uno strumento che, se utilizzato con coscienza, può essere di aiuto all'umanità. Quell'umanità che è minacciata da un singolo uomo: Greg Stillson, candidato indipendente per il New Hampshire alla Camera dei Deputati.

A questo punto la storia che ci narra Stephen King assume contorni quanto mai profetici, alla luce dei recenti cambiamenti politici nella scena internazionale. Mi riferisco, ovviamente, all'elezione di Donald J. Trump alla Casa Bianca. In pochi pensavano che questo strampalato imprenditore che sciorinava dichiarazioni razziste, omofobe e sessiste durante tutta la campagna elettorale repubblicana potesse sul serio diventare l'uomo più potente della Terra.
E invece...

Trump ha sfruttato l'onda emotiva e lo scontento degli americani schiacciati dalla crisi economica. Ha fatto promesse, tante promesse. Garantendo ai suoi elettori che avrebbe reso di nuovo grande l'America. Ma come? Costruendo un muro tra gli Usa e il Messico? Annullando i programmi di assistenza sanitaria? Espellendo gli immigrati? Minacciando a destra e a manca di innesacare una guerra nucleare?




Sì, proprio così. E spaventa leggere nelle pagine di King i parallelismi tra Greg Stillson e Trump. Tra gli obiettivi del programma politico di Stillson non mancano propositi folkloristici, come l'invio di tutta la spazzatura nello spazio, per risolvere così il problema dell'inquinamento.

"Avremo aria pulita, avremo acqua pulita, 
e le avremo entro sei mesi!"


Non poteva mancare la promessa
di benzina e petrolio a volontà:

"Metteremo termine ai giochetti di quegli arabi e useremo le maniere forti! L'inverno prossimo, nel New Hampshire, non 
ci saranno più vecchi e vecchie ridotti 
  in ghiaccioli, come l'inverno scorso!"





Gli avversari politici di Stillson non lo temono molto, lo vedono solo come un simpatico personaggio bislacco. Anche la stampa sembra non dargli credito, ma la gente comune inizia a guardare a lui come a una novità interessante. Un cambiamento necessario: "E' un buffone, d'accordo! Ma forse la gente ha bisogno ogni tanto di una parentesi comica."

Peccato che di comico Johnny non veda proprio nulla quando stringe la mano a Greg Stillson durante un suo comizio.

"Non ho alcun dubbio" - scrive John nei suoi appunti - "Diventerà presidente e innescherà una guerra. O la provocherà, a causa magari d'un semplice uso improprio della sua carica. Il che fa lo stesso."



Se non avete letto il romanzo, non vi anticipo come deciderà di agire Johnny. Ma queste parole ci fanno rendere conto di quanto King abbia sempre avuto una capacità di lettura della società circostante davvero notevole, tanto da risultare profetica.

Lunghi giorni e piacevoli notti

Maurizio

7 maggio 2017

La trama del film "Children of The Corn: Runaway"

Le riprese dell'ennesimo sequel della serie Grano Rosso Sangue sono terminate ad aprile, entro il prossimo anno dovrebbe essere disponible in DVD.

Girato ad Oklahoma City, il film è stato diretto da John Gulager.

Trama: Ruth è una giovane ragazza incinta che fugge da un'orda di ragazzini assassini di un piccolo paese del Midwest. Vive nell'anonimato per dieci anni, per risparmiare al figlio lo stesso orrore. Ma qualcosa le sta alle calcagna. Ora dovrà affrontare queste forze oscure o rischiare di perdere il suo bambino...


[fonte: liljas-library.com]


5 maggio 2017

Torre Nera - Lo splendido omaggio a Ennio Morricone nel trailer del film

Pensatela come volete, come giusto che sia, ma nel trailer della Torre Nera la produzione ha inserito un monumentale omaggio che fa pensare che alla Sony non hanno dimenticato il volto del proprio padre!


Quel carillon che si ode in sottofondo in apertura del video non è che uno dei temi musicali scritti da Ennio Morricone per il film Per qualche dollaro in più (1965), il secondo capitolo della trilogia del dollaro di Sergio Leone, con protagonista Clint Eastwood.

Una saga western amatissima da Stephen King, e a cui lo Zio stesso si è ispirato per la creazione del magico mondo della Torre Nera...



4 maggio 2017

Torre Nera, Stephen King: "Mi piace vedere le mie storie adattate in modo nuovo"

Stephen King è intervenuto sul sito Ign.Com, dove gli è stato chiesto cosa ne pensa del trailer della Torre Nera, uscito ieri.


"Penso che il trailer sia fantastico" - ha detto il Re - "I fan della saga saranno felici di vedere finalmente Roland e Jake sul grande schermo, per non parlare di Walter, l'Uomo in Nero. 

"E' stato bello vedere Elba come Roland, ha una grande energia. E McConaughey è spaventoso e intenso nei panni di Walter O'Dim.

Sul fatto di vedere questo film della Torre come una "estensione" dei libri, ha risposto così: "Mi ha sempre divertito vedere le mie storie come base di lancio per una nuova visione di ciò che ho scritto. Le persone coinvolte nel film hanno avuto tutta la libertà, da me felicemente concessa, di reinventare la storia."

Parole che lasciano intendere che il plot dell'adattamento cinematografico devierà dalla trama originale, come già si era capito da diverso tempo.

Siete preoccupati o incuriositi?

[fonte: ign.com]

Idris Elba: "Spero che i fan saranno orgogliosi della mia interpretazione"

E' da poco stato rilasciato il trailer ufficiale della Torre Nera (in Italia dal 10 agosto), e Idris Elba, l'attore britannico che interpreta l'ultimo cavaliere Roland Deschain, è stato intervistato da Karensa Cadenas.



"Naturalmente [King] è un grande scrittore di libri fantastici da cui sono stati realizzati grandi film. - ha detto Elba - Ero entusiasta di poter firmare per questo ruolo, King sa creare personaggi complessi e profondi, in particolare Roland Deschain. Sia che abbiate letto i libri o no, entrerete in un mondo ricco e ben pensato, dove si incontrano personaggi incredibili.

"Voglio che i fan siano soddisfatti del personaggio che interpreto, specialmente se così ben caratterizzato nei libri. Ma la cosa meravigliosa è che fare l'attore in un film vuol dire essere in grado di interpretare un personaggio, e spero che i lettori saranno orgogliosi del mio lavoro.

"Matthew McConaughey [L'Uomo in Nero] è entrato nel progetto nove settimane dopo che avevamo già iniziato a girare in Sud Africa. Ho evitato di vederlo finchè non dovevamo girare la scena in cui ci incontriamo per la prima volta, cosa che è stata utile per la chimica del film. Matthew è un attore strepitoso, dà profondità e senso dell'umorismo al suo personaggio.

"La mia parola preferita del vocabolario della Torre Nera? Crimson King [Il Re Rosso, NdT]. Perchè voglio sconfiggerlo..."


[fonte: uk.complex.com]


3 maggio 2017

Il Salone del Libro di Torino sarà gratuito per 19 fortunati...

Fedeli Lettori, drizzate le orecchie!

Come sapete, il 19 maggio si terrà al Salone Internazionale del libro di Torino una serata tutta dedicata al nostro Stephen King, in compagnia del traduttore Giovanni Arduino e di Loredana Lipperini. Dalle 18 alle 20 si chiacchiererà dello Zio in compagnia degli appassionati fan che saranno presenti. E grazie alla generosità degli organizzatori, in collaborazione con gli amministratori del gruppo facebook Stephen King - ITALIA, 19 fortunati iscritti al gruppo potranno avere accesso all'evento gratuitamente, ottenendo un PASS GIORNALIERO.

Iscrivetevi numerosi al gruppo facebook DA QUI (se non siete membri) e seguite le istruzioni del fondatore Samuele Giacomella che trovate in bacheca.

Che il ka sia con voi!


Gli omaggi a Shining e IT nel trailer della Torre Nera

Il trailer della Torre Nera è on-line da poche ore e fioccano già le segnalazioni di un paio di easter eggs nascosti nel video, due riferimenti ad altre opere di Stephen King.

Nello studio del terapista di Jake si intravede una fotografia dell'hotel teatro del romanzo Shining, mentre in un altro frame vediamo la scritta "Pennywise" accanto a quelli che sembrano dei palloncini...

[fonte: dreadcentral.com]



Torre Nera - L'attesissimo trailer ufficiale!


LO AVETE TANTO ATTESO.

E ORA...

FINALMENTE 

E' ARRIVATO!



29 aprile 2017

Il racconto "Cookie Jar" uscirà in italiano nell'edizione Pickwick de "Il bazar dei brutti sogni"

Fedeli Lettori, presto potremo leggere in italiano un nuovo racconto di Stephen King finora inedito nel nostro Paese: Il vaso dei biscotti, che troveremo allegato all'edizione economica de Il Bazar dei Brutti Sogni edita a fine maggio.

Cookie Jar era stato diffuso nel giugno 2016 in America esclusivamente on-line.

Segnalato da Stefania Di Fonzo






[foto da: sperling.it]

Torre Nera - Approvato il trailer, si attende il rilascio ufficiale

Pistoleri del Nostro Mondo, pare che non sia lontano il giorno dell'uscita ufficiale del trailer della Torre Nera, nei cinema americani dal 4 agosto (in Italia giovedì 10).

Intanto è stata diffusa una nuova immagine del film, con Roland e Jake fianco a fianco per le strade di New York.




[fonte: liljas-library.com]

28 aprile 2017

Akiva Goldsman dirigerà il nuovo film tratto da "L'incendiaria"

Dopo l'adattamento del 1984 con Drew Barrymore e Martin Sheen è in fase di sviluppo un nuovo film tratto da L'incendiaria, il romanzo di Stephen King che ha come protagonista una bambina con poteri pirocinetici a cui una sinistra organizzazione dà la caccia.



Akiva Goldsman (che ha co-sceneggiato anche il film della Torre Nera) si occuperà della regia e dello script, insieme a Scott Teems.
La Blumhouse Productions supporterà il progetto insieme alla Universal, mentre Martha De Laurentiis dovrebbe entrare come produttore esecutivo.

[fonte: dailydead.com]

27 aprile 2017

Salone del Libro: il programma e gli ospiti della serata dedicata a Stephen King

Fedeli Lettori, è on line il programma completo del 30° Salone Internazionale del Libro, che si svolgerà a Torino dal 18 al 22 maggio.



Da non perdere l'evento di venerdì 19, dalle ore 18 presso la Sala Rossa, con la presenza dei fan del gruppo facebook Stephen King - ITALIA, dei cosplayer di Torino Comics e la proiezione di spezzoni di Nona (cortometraggio del regista Massimo Volta).

Parteciperanno all'evento:

Giovanni Arduino
Claudio Chaiverotti
Luca D'Andrea
Michele De Mieri
Roberto Gagnor
Henoel Grech
Nicola Lagioia
Antonella Lattanzi
Loredana Lipperini
Paolo Mottura
Laura Pugno
Simona Vinci
Massimo Volta
Rebeca Willig
Maurizio de Giovanni


Due ore condotte dal traduttore di Stephen King Giovanni Arduino e dalla giornalista Loredana Lipperini, durante le quali si alterneranno testimonianze, musiche, filmati, fumetti, cosplayer a tema e apparizioni a sorpresa. Con l'irruzione di autori che leggeranno le pagine kinghiane che più hanno amato.

Farò un "SalTo" anche io in quel del Lingotto, vi aspetto tutti a Torino!

[fonte: salonelibro.it]
 

26 aprile 2017

Stephen King comparirà nella serie tv "Mr. Mercedes" di David E. Kelly

Stephen King ha annunciato su Twitter ai fan che potremo vederlo comparire nella serie televisiva tratta da Mr. Mercedes, i cui 10 episodi dovrebbero andare in onda negli Usa entro fine anno.


Ideata da David E. Kelly (Ally McBeal), vede come protagonisti Brendan Gleeson (Bill Hodges) ed Harry Treadaway (Brady Hartsfield).

Un cameo che non sarebbe una novità, lo Zio ama comparire in molti adattamenti dei suoi libri: lo ricordiamo, ad esempio, nei panni del prete in Pet Sematary, nel film Creepshow oppure nella recente serie Under The Dome.



24 aprile 2017

Esclusive action figure dal film della Torre Nera

Lo scorso weekend sono state presentate alla convention del Diamond Select Toys a Chicago alcune action figure che riproducono i personaggi del film della Torre Nera, in uscita nelle sale ad agosto.
Si tratta di modellini non definitivi, in attesa di approvazione per il rilascio.

Idris Elba (Roland Deschain)
Matthew McConaughey (L'Uomo in Nero)

[fonte: liljas-library.com]

22 aprile 2017

La Sala della Musica - Il nuovo racconto di Stephen King edito da Einaudi

Uscirà il 2 maggio per Einaudi Stile Libero la raccolta Ombre a cura di Lawrence Block. Tredici autori americani si sono ispirati ai dipinti di Edward Hopper e hanno creato dei piccoli mondi.

Tra gli autori è presente anche il nostro Stephen King col racconto La sala della musica, finora inedito in Italia.


«Hopper sa fermare sulla tela un momento sospeso nel tempo: un istante con un passato e un futuro che lo spettatore è chiamato a rintracciare».
Lawrence Block

Dal sito dell'editore
Il diner piú famoso d'America, con la sua vetrata piena di luce contro il buio della notte. Una sigaretta fumata di fronte a una finestra aperta, lasciando che il sole penetri nelle ossa.
Una coppia separata da una noia invincibile. Un cinema mezzo vuoto dove una donna aspetta l'uomo che ama. Edward Hopper immortalava frammenti di vita invitando chi guarda a immaginare il resto. Gli autori di questa antologia hanno dato loro respiro e ne è uscita una raccolta di testi - noir ma non solo - pieni di grazia e realismo, in cui a prendere corpo sono i personaggi dei dipinti. In tutti, come nei quadri che li ispirano, la scena americana svela il suo volto magico e oscuro, la sua struggente verità.



I 13 titoli della raccolta:

Megan Abbott
Lo spogliarello

Jill D. Block
La storia di Caroline

Robert O. Butler
Soir Bleu

Lee Child
La verità su quanto è successo

Nicholas Christopher
Stanze sul mare

Michael Connelly
Nighthawks

Jeffery Deaver
L'incidente del 10 novembre

Stephen King
La sala della musica

Joe R. Lansdale
Il proiezionista

Joyce C. Oates
La donna alla finestra

Kris Nelscott
Natura morta 1931

Jonathan Santlofer
Finestre di notte

Lawrence Block
Autunno, tavola calda