15 febbraio 2016

King su JFK, Star Wars, Trump e Bowie

In un'intervista al thedailybest Stephen King ha parlato di un po' di tutto. Dall'episodio 
dell'assassinio di Kennedy alle recenti primarie per le presidenziali americane.

"Venni a sapere che Kennedy fu ucciso dalla radio del ragazzo che accompagnava me ed altro ragazzi avanti e indietro da casa a scuola. 'Alcuni figli di pu***** hanno ammazzato il presidente"', disse. E noi restammo in silenzio. Abbiamo visto dopo quello che era successo. Io e mia madre vedemmo in diretta Tv Oswald che veniva trasferito dal blocco di Dallas alla prigione più grande, e abbiamo visto quando l'assassinavano. Le nostre mascelle si spalancarono. Non potevamo crederci."

"Questa tragedia ha fatto sorgere le più disparate teorie cospirative di tutta la storia dell'America perchè Jack Ruby chiuse la bocca a Oswald prima che potesse parlare. Oswald disse al momento quello che direbbe chiunque in quella situazione: 'Non sono stato io. Ero un capro espiatorio'. Molti non pensano che possa aver agito da solo, ma io sì. Lo abbiamo visto accadere più volte, come con John Lennon. Bridget Carpenter, la showrunner di 22.11.63 è in disaccordo con me, ma io credo abbia agito da solo."

"Tra gli altri eventi recenti che hanno alterato il corso della Storia americana al primo posto metto l'11 settembre. Se qualcuno potesse tornare indietro e fare una telefonata di avvertimento, si impedirebbero eventi come la guerra in Afghanistan e in Iraq, tutte le vite che sono state spezzate per colpa di un gruppo di dirotattori saliti su un aereo armati di taglierino..."

 

"Credo che Il Risveglio della Forza di Abrams sia il miglior film della saga. Il primo fu speciale perchè nessuno sapeva cosa aspettarsi. Abrams ha colto lo spirito del primo film. Sono andato a vederlo coi miei tre nipoti, ed è stato fantastico."





Sulle Primarie Usa: "Trump mi lascia senza parole. Quando disse che si candidava pensai fosse una battuta intelligente, ma poi ha fatto sul serio. Tra i candidati repubblicani trovo che Ted Cruz sia una prospettiva ancor più spaventosa di Donald Trump. Cruz è un fondamentalista cristiano, sarebbe quasi come eleggere un Imam, qualcuno la cui guida principale sono le Sacre Scritture anzichè la Costituzione. Ma non penso possa essere eletto."

Trump e Cruz

Su David Bowie: "Ho fatto una serie tv per la CBS in passato chiamata "Golden Years", abbiamo utilizzato quella canzone di Bowie, che è molto misteriosa e meravigliosa, come sigla per lo spettacolo. Dopo alcuni anni mi chiamò al telefono e mi parlò di un concept-album che voleva realizzare, qualcosa che mettesse paura. Poi non se ne fece nulla. E' stato uno shock sapere che è scomparso. E' una tale perdita... Era un uomo di incredibile talento. Ha fatto molta musica interessante."








Nessun commento:

Posta un commento